La scuola dello spettatore

La Scuola dello Spettatore è un progetto dell'Accademia dei Folli rivolto ai ragazzi delle scuole. E' un percorso di alfabetizzazione teatrale organico studiato in lezioni/spettacolo, spettacoli veri e propri e momenti di dialogo, confronto e approfondimento. Rispettando questa struttura, i ragazzi sono chiamati ad assistere, commentare e analizzare ciò che hanno visto e sentito, ripercorrendo la storia del teatro.

Il progetto si sviluppa in tre anni percorrendo la storia del teatro, da quello greco al contemporaneo.

PRIMO ANNO
Il primo anno è un vero proprio viaggio di ricognizione. Si parte dal teatro greco ma il percorso si dipana attraverso una serie di spettacoli i cui temi sono particolarmente vicini ai ragazzi (l'integrazione, la guerra, l'amore e la battaglia tra i sessi). Questo primo anno è mirato al coinvolgimento emotivo degli allievi. L'obiettivo è quello di mettere in risalto il profondo legame che c'è tra il teatro e l'attualità. Il teatro come momento di analisi della società e di noi stessi.

SECONDO ANNO
Dopo aver avuto una piccola panoramica su cosa si possa comunicare col teatro, il viaggio riprende seguendo – a grandi linee – la sua storia. Sempre riconoscendo un carattere di universalità e di attualità abbiamo individuato quegli autori che, al di là, del loro indiscutibile valore artistico e letterario, più di altri hanno saputo scrivere superando il proprio tempo. Shakespeare, Goldoni, Moliére. In questo secondo anno sono previste 2 lezioni-spettacolo, uno spettacolo conclusivo e un incontro con le classi.

TERZO ANNO
Il terzo anno conclude il nostro percorso sulla storia del teatro affrontando i grandi drammaturghi dell'800 e del '900: Cechov e Pirandello, l'ultima grande riforma teatrale rappresentata da Ionesco e Beckett e le cosiddette avanguardie contemporanee.

La scuola dello spettatore pone al centro il pubblico, in questo caso i ragazzi, suggerendo loro che il teatro è tutt'altro che una fruizione passiva. Gli attori di uno spettacolo sono infatti gli artisti sul palco quanto il pubblico in sala. E' uno scambio, un dialogo.

IL PICCOLO MANUALE DELLO SPETTATORE CONSAPEVOLE
Guidati dai docenti, i ragazzi costruiranno un piccolo manuale dello spettatore che possa valere per tutti. Ognuno poi avrà un suo personalissimo corollario dettato da gusti e interessi personali e dalla propria sensibilità. I temi scelti per il progetto sono universali e possono facilmente coinvolgere e interessare i ragazzi, si parlerà di loro e del nostro tempo così da rendere immediato e naturale il dialogo e la partecipazione.

  Scarica il progetto completo


Condividi