IL DIARIO DI ADAMO ED EVA

Regia: Carlo Roncaglia

Adamo ed Eva: i primi due esemplari di uomo e donna o, come dice più suggestivamente Mark Twain, “i due prototipi sentimentali” dell’umanità. Twain riscrive il loro mito sotto forma di un diario; anzi, di due diari, distinti e contrapposti, perché figurarsi se uomo e donna, fin dal loro primo apparire, potevano vedere le cose allo stesso modo. Esempio: ogni tanto Eva si inginocchia sulla riva di un lago e parla a lungo con quella donna che la guarda dallo specchio d’acqua e che le somiglia così tanto… Adamo, invece, forse in segno di sfida nei confronti del proprio “gemello lacustre”, si toglie la foglia di fico e gli fa la pipì in faccia. È il loro carattere, del resto: i vizi, le virtù, le idiosincrasie che da Adamo ed Eva in poi condizioneranno i destini di uomo e donna, svelati da Twain con magistrale ironia. Questa messinscena del Diario raccoglie l’idea del doppio punto di vista sull’infanzia dell’umanità, ma sposta Adamo ed Eva dal loro contesto originale – il paradiso terrestre – per farli convivere in una più quotidiana camera da letto. Lì dentro le frasi dei due diari diventano dialoghi serrati, i contrasti si esasperano e la differenza tra uomo e donna emerge in tutta la sua evidenza. Anche nell’intimità di un letto, uomo e donna sono esseri distinti e lontani che, non si sa per quale strano scherzo del destino (c’è chi lo chiama amore!), si attraggono, si cercano, si illudono di poter essere le due metà di una mitologica mela che, presto o tardi, dovranno, per forza, riunirsi. Ma una vita non basta.

 

di Mark Twain

con
Carlo Roncaglia
Giovanna Rossi

traduzione e adattamento Carlo Roncaglia
dialoghi originali Franco Magnani
musiche originali Matteo Riparbelli
luci e fonica Donato Merz Terrameo
direzione allestimento Giacomo Cuppari

regia e ideazione scenica Carlo Roncaglia

  • carlo-roncaglia-cv.jpg
    Carlo Roncaglia

    Regista attore e musicista diplomato nel 1997 presso la Scuola del Teatro Stabile di Torino diretta da Luca Ronconi, partecipa ad un workshop teatrale internazionale con tournée in Romania, Danimarca, Svezia e Norvegia. Recita tra gli altri con Giancarlo Cobelli, Gabriele Lavia, Mauro Avogadro, Eugenio Allegri. Nel 2000 fonda la Compagnia di Musica-Teatro Accademia dei Folli della quale è direttore artistico e per la quale cura le regie degli spettacoli teatrali. È anche doppiatore e attore televisivo e cinematografico.

Condividi