ROMOLUS

Regia: Carlo Roncaglia

476: LA CADUTA DELL'IMPERO ROMANO UND DIE GEFLÜGEL

tratto da Romulus der Große di Friedrich Dürrenmatt

PRIME NOTE DI REGIA

Romolo il Grande – Romulus der große (1949) è un testo profondamente contemporaneo e di un’attualità straordinaria. Nella splendida pièce di Dürrenmatt c’è tutto il caos, il disorientamento e la grande perdita di equilibrio del nostro tempo. Ci sono culture e mondi differenti che si incontrano, si scontrano, tentano di capirsi o, pericolosamente, si ignorano. È il crollo di un sistema consolidato ma ormai talmente complesso da risultare instabile e vulnerabile: una vera e propria bomba ad orologeria. La caduta dell’Impero Romano è una esplicita metafora della deflagrazione e dello sbandamento dell'assetto geo-politico e culturale che viviamo oggi. Il nostro Impero Romano oggi è un quartiere, una città, una regione, uno stato, l’Europa, il mondo: un sistema economico, sociale e culturale difficile da gestire. È una globalizzazione in proroga; un’incapacità di difendere le proprie identità e al contempo integrarsi e/o assorbire le “culture altre”. È questo il nostro crollo dell’Impero Romano: un ineluttabile cambio della guardia, un avvicendarsi di periodi doloroso ma inevitabile. Dürrenmatt fotografa il nostro tempo, le nostre contraddizioni, le nostre più profonde paure e i tentativi – a volte piuttosto bizzarri – di ricomporre le fratture. E lo fa con grande ironia e lucidità. Un testo dalle forti valenze socio-politiche per un allestimento di grande impegno civile in cui la coralità della pièce è sostenuta e sottolineata da una compagnia trasversale in cui le diverse lingue e i differenti linguaggi artistici – pur scontrandosi nel testo - si armonizzano nella messa in scena. L’allestimento si pone come obiettivo di rendere palpabile questo clima di spaesamento, questo magma che è una certa Europa reduce da profondi e repentini mutamenti. Come nell’Impero Romano anche la nostra è una società multietnica – un melting pot – che rischia continuamente il collasso. Ma è anche e soprattutto un’enorme risorsa che andrebbe sfruttata e vissuta positivamente.

LA TRAMA ORIGINALE

In una villa in Campania si consuma la fine dell’Impero Romano d’Occidente; tra i polli, unico suo reale interesse, l’ultimo imperatore di Roma, Romolo il Grande, assiste al crollo inesorabile del suo impero… osserva l’estendersi di ogni singola crepa, il cedimento di ogni trave, fino al rantolo estremo del pachidermico, quanto ormai obsoleto e corrotto Impero Romano. Attorno a lui qualcosa che sembra più una corte dei miracoli che si affaccenda per salvare il salvabile, o, almeno, le apparenze. Un antiquario valuta le ultime statue, l’imperatore d’Oriente viene a chiedere asilo politico, un industriale, fabbricante di calzoni, offre, in cambio di accordi commerciali, di salvare l’impero dal collasso. Tutto è inutile: Roma è destinata a cadere, a cedere sotto secoli di abusi e di corruzione. I Barbari, guidati da Odoacre, stanno calando, hanno preso Pavia e si dirigono sulla capitale. Tra gli ultimi ministri e generali ancora rimasti al suo fianco, la famiglia e i vecchi servitori, l’ultimo imperatore romano sfugge ad attentati maldestri, alleva polli e svende gli ultimi rimasugli dei fasti imperiali sorridendo soddisfatto di fronte al compiersi della sua missione: la fine di Roma.

con
Giulio Federico Janni Romolo il Grande
Chiara Visca Giulia
Caterina Gabanella Rea
Gianluca Gambino Piramo/Mares
Giuseppe Amato Achille/Tullio Rotondo
Horst Hermann Tito Spurio Mamma/Cesare Rupf
Stefano Marcello Zenone Isaurico/Odoacre
Enrico Dusio Emiliano
Massimo Cattaruzza Apollione/Filace

e con i partecipanti ai workshop EVERYBODY LIKES ROMOLO

LYRA società cooperativa in coproduzione con L'ACCADEMIA DEI FOLLI compagnia di musica-teatro

traduzione e adattamento Carlo Roncaglia
musiche Christian Tomei
scene e costumi Michela Cannolletta e Nadia Simeonova
sonorizzazione, scenofonia Martin Niedermair
movimenti scenici Jutta Wieser
disegno luci Lorenzo Carlucci
vocal training Alessandra Limetti
assistenti alla regia Christian Tomei, Maria Grazia Graziano
organizzazione generale Patrick Traino

regia Carlo Roncaglia

in collaborazione con

TEATRO CRISTALLO
TEATRO STABILE DI BOLZANO
VBB

Progetto realizzato con il sostegno economico della Provincia autonoma di Bolzano - Alto Adige
Ripartizione Cultura italiana, tedesca e ladina
PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO e COMUNE DI BOLZANO

  • enrico-dusio-sito-2.jpg
    Enrico Dusio

    Attore diplomato alla scuola del Teatro Stabile Di Torino, diretta da Luca Ronconi, lavora attivamente dal 1994 interpretando ruoli da primo attor giovane in grandi compagnie come la Pagliai-Gassman, Malfatti, Albertazzi. Nel 1999 diventa doppiatore ed entra a far parte del cast della trasmissione tv “La Melevisione”. Nel 2000 diventa socio fondatore della Compagnia di Musica-Teatro Accademia dei Folli. Partecipa a varie produzioni cinematografiche e televisive. Conduce laboratori teatrali nelle scuole elementari e medie.

  • gianluca-gambino-sito.jpg
    Gianluca Gambino

    Si diploma presso la scuola del Teatro Stabile di Torino, lavora con Mauro Avogadro, con il gruppo di ricerca Archivo Zeta, con sede a Firenze, fondato da Gianluca Guidotti, lavora in Francia con Dominique Pitoiset per il Teatro di Bordeaux, partecipa al Progetto Shakespeare, lavorando con Jean-Cristophe Sais e con Mamadou Dioume, attore di Peter Brook, all’interno delle manifestazioni per le Olimpiadi Invernali 2006, lavora con Luca Ronconi, appare in spot pubblicitari, fictions e films.

Condividi