BACCHANALIA - (SE SIETE IN CERCA D’AMORE CONFIDATE NEL DI…VINO)

Il vino parla. Lo sanno tutti. Guardatevi in giro. Chiedete all’indovina all’angolo della strada, all’ospite che non è stato invitato alla festa di nozze, allo scemo del villaggio. Eccome se parla, il vino. È ventriloquo. Ha un milione di voci…

Due di queste voci appartengono a un uomo e una donna seduti al banco di una vecchia vineria, a qualche sgabello di distanza. Non si sono mai visti prima d’ora. Dietro di loro c’è una piccola orchestra, che suona e beve (non necessariamente in quest’ordine).  È la storia più vecchia del mondo, dopotutto: a man meets a woman, Adamo incontra Eva. Solo che in questa versione lui le offre da bere, lei accetta giusto perché in tasca non ha una lira e la pianta proibita è un vitigno di pinot nero. Poi si sa come vanno queste cose. Il vino scioglie la lingua, svela segreti che mai avresti voluto raccontare, grida, declama, ride, piange, sussurra, racconta. E così i due protagonisti, da perfetti sconosciuti, finiscono per scaraffare insieme… Perché il vino è magia quotidiana, è la trasformazione di una sostanza di base a quella dei desideri, il vino è alchimia dei profani, il vino è… finito.

Altro giro di bevute, barista, altro giro.

con
Giovanna Rossi
Carlo Roncaglia

e con
Enrico De Lotto: contrabbasso
Paolo Demontis: armonica
Vincenzo Novelli: chitarre
Giò Dimasi: batteria, percussioni

testo: Emiliano Poddi
musiche e arrangiamenti: Enrico De Lotto
luci e fonica: Donato Merz Terrameo

regia: Carlo Roncaglia

Condividi