S. STEFANO BELBO (MISSISSIPI, USA)

"Il blues dei blues":

Il male cominciò con me seduto/ sul sofà e la ragazza che cantarellando scendeva/ a rimettere un disco dei soliti - un blues./ Erano cose gaie d'America, anche i blues/ ma sentirli ripetere - sempre gli stessi -/ e vederli ripetere, sempre, dalla medesima mano.

L'America è un mito che toccò sensibilmente il mondo dell'intellighenzia piemontese.

Risultato questo dovuto innanzitutto all'opera di traduttore, di saggista, di scrittore e in ultimo di redattore svolta da Cesare Pavese. Dalle Vigne ai campi di cotone, dal Piemonte al Mississipi, dall'Italia agli Stati Uniti d'America. Dopo aver raccontato e cantato l'America metropolitana e inquieta, ci spostiamo nelle regioni del sud. Il gospel, lo spiritual e soprattutto il blues, Steinbeck, Lee Masters, l'America Rurale delle piantagioni di cotone, delle piccole cittadine isolate nelle sterminate campagne, le storie di un'umanità aggrappata ad una vita monotona e cadenzata dalle stagioni. Un viaggio nella letteratura e nella musica alla ricerca di radici comuni.
Uno spettacolo ricco di suggestioni tra teatro e musica.

di Emiliano Poddi
Con 
Francesca Porrini
Carlo Roncaglia

e con
Enrico De Lotto contrabbasso, chitarra
Marco Maturo chitarre
Paolo Demontis armonica

Elaborazione testi a cura di Emiliano Poddi
Elaborazione musiche e arrangiamenti di Enrico De Lotto
Costumi ed Elementi scenici di Carola Fenocchio

Regia di Carlo Roncaglia

Cesare Pavese Festival 2005

Condividi