UNA NOTTE IN BLUES

Regia: Carlo Roncaglia

Dagli sterminati campi di cotone del Delta del Mississipi a Memphis e poi Chicago. Un viaggio emotivo e sonoro. Si parte dalle baracche dei coltivatori figli di schiavi, si entra in punta di piedi nelle chiese e ci si rifugia nei fumosi locali dove i neri d'America suonavano e ballano sulle note di una musica nuova e allo stesso tempo antichissima. È la musica del diavolo, la musica che scaccia la fatica e allontana il dolore.

Storie di lavoro, emarginazione e segregazione ma soprattutto storie d'amore e di rinascita. 

Andavano via dalle piantagioni senza soldi oppure avevano poco da mangiare a casa, i figli piangevano.  Roba da suicidio. Così il buon Dio e lo Spirito Santo hanno dovuto mandare a quella gente qualcosa per aiutarla ad alleviare gli affanni della mente. È qui che la musica entra in ballo, nel lavoro, in quello che stai cercando di fare, in quello per cui lotti, per aiutarti a vedere le cose in modo più positivo fino a distogliere la mente dai problemi in cui stai affogando.

Così, ricorrevano a molte di quelle canzoni che parlavano delle loro donne, ma in realtà,  raccontavano dei padroni. Le vecchie canzoni blues cantavano di donne meschine che ti maltrattavano, ti prendevano tutti i soldi. In realtà si riferivano ai padroni, ma dovevano diffondere il messaggio in modo celato. Non potevano uscirsene con: “Il padrone ci maltratta”. l blues significa sopravvivenza.

 BLUES. La magia antica di un genere che, nato storicamente un secolo fa, affonda le sue radici nell’Africa perduta dei neri americani e costruisce, sulle note della sua malinconia struggente, la speranza, la voglia di una vita migliore, l’aspirazione orgogliosamente individuale ad un rapporto consapevole con la realtà.

La semplicità, la popolarità, ma anche la potenza della sua tragicità, ne hanno fatto, per tutto il Novecento ed ancor oggi, una delle matrici più importanti della musica popolare internazionale, mantenendo tuttavia inalterata l’essenza della sua unicità.

L’estensione temporale del BLUES e la sua lunga evoluzione hanno finito per costituire una sorta di accompagnamento musicale storico alle vicende umane di questo secolo, un contrappunto accorato alle mille contraddizioni che ostacolano l’individuo sulla via della sua presa di coscienza, dell’affermazione di civiltà.

E noi ne proponiamo e ripercorriamo la storia, la tradizione, i pensieri, le poetiche e i sentimenti con il nostro tipico sound semi-acustico e con piacevoli digressioni nel rythm’n’blues e nel soul, ma soprattutto nel gospel e nello spiritual, continua a trascinare, divertire ed emozionare il suo pubblico. 

Da Robert Johnson ad Eric Clapton, da Bessie Smith a John Lee Hooker, da B.B.King a Muddy Waters; per coinvolgere, far capire, divertire e divertirci. Non fare BLUES perché’ altri lo consumino, ma per viverlo insieme.

 

con 

voce e chitarre Carlo Roncaglia
armonica Paolo Demontis
basso Enrico De Lotto
batteria Donato Stolfi
chitarre Max Altieri

testi e regia Carlo Roncaglia

 

  • carlo-roncaglia-cv.jpg
    Carlo Roncaglia

    Regista attore e musicista diplomato nel 1997 presso la Scuola del Teatro Stabile di Torino diretta da Luca Ronconi, partecipa ad un workshop teatrale internazionale con tournée in Romania, Danimarca, Svezia e Norvegia. Recita tra gli altri con Giancarlo Cobelli, Gabriele Lavia, Mauro Avogadro, Eugenio Allegri. Nel 2000 fonda la Compagnia di Musica-Teatro Accademia dei Folli della quale è direttore artistico e per la quale cura le regie degli spettacoli teatrali. È anche doppiatore e attore televisivo e cinematografico.

  • enrico-de-lotto-sito.jpg
    Enrico De Lotto

    Bassista, contrabbassista, compositore ed arrangiatore. Ha studiato jazz per diversi anni con Dino Contenti, Saverio Miele, Diego Borotti, Roberto Regis e altri. Ha suonato in formazioni di vari generi e di varia composizione, fino a focalizzarsi sulla musica d’autore con ispirazione jazz-blues. Parallelamente, da 10 anni lavora anche nel campo del cinema, in cui ha collaborato con registi come Roberto Faenza, Giuseppe Ferrara e Carlo Lizzani. Collabora con la Film Commission Torino Piemonte.

  • paolo-demontis-sito.jpg
    Paolo Demontis

    Armonicista, autodidatta, promotore della cultura dell’armonica blues. Dal 1992 ne studia le tecniche, la storia e i maestri; nel 1999 viene invitato dal Centro Jazz di Torino a tenere un corso di armonica blues per la durata di due anni, dopodichè prosegue individualmente la sua attività di insegnante. Nel 2002 fonda il gruppo “Harpin’ on blues”, una delle poche band italiane dove l’armonica è lo strumento leader e la scelta del repertorio ne esalta le caratteristiche, iniziando una brillante attività di concerti.

Condividi